Diminuire la frequenza di rimbalzo

Ebbene sì, se siete arrivati qui vuol dire che la frequenza di rimbalzo del vostro sito web non vi soddisfa. Orde di utenti che planano sul nostro sito web rotolando via velocemente perché non sembrano essere interessati ad “approfondire la vostra conoscenza”.

Ma è possibile diminuire la frequenza di rimbalzo facilmente e come?

Innanzitutto partiamo da alcune considerazioni: inutile fare di tutt’erba un fascio! Ci sono casi e fasi in cui il bounce rating non deve essere un elemento frustrante e prioritario:

  • una frequenza di rimbalzo al di sotto del 50-60% è da considerarsi “fisiologica” e quindi non immediatamente preoccupante;
  • se il nostro sito è online da poco tempo potrebbero volerci alcuni mesi per un’indicizzazione ottimale e quindi è giusto attendere che Google lavori per rendere i nostri contenuti adatti alle Query di ricerca;
  • se non sono stati impostati dei filtri su Google Analytics. In questo caso, è possibile che il nostro traffico sia condizionato da picchi di visite fasulle, con bounce rating 100%, che innalzano quindi la percentuale della frequenza di rimbalzo anche delle visite reali. Un altro dato fasullo potrebbero essere le nostre stesse visite, che vanno escluse dal computo impostando un apposito filtro calibrato sull’indirizzo IP per evitare un abbassamento drastico e poco realistico della frequenza di rimbalzo. Quest’ultimo aspetto, tuttavia, diventa veramente determinante se il nostro sito ha poche visite reali, mentre se viaggia giornalmente su grandi numeri può non influenzare in maniera veramente consistente la frequenza di rimbalzo.

Sintetizzando, quindi, se non siete online da pochi giorni, la vostra frequenza di rimbalzo è oltre il 60% e avete impostato dei filtri adeguati sulle visite…. sì, è il caso di iniziare a preoccuparvi!

La frequenza di rimbalzo è un dato molto importante non soltanto legato all’esperienza utente, ma che è in grado di influenzare la nostra autorship agli occhi di Google.

Continua…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Preferenze Privacy

Social Sharing

Facebook
Youtube
Instagram
Pinterest

Advertising

Google Ads Facebook Ads Instagram Ads

Analytics

Google Analytics Wordpress Analytics

Remarketing

Facebook Remarketing Google Remarketing